Test Canon Eos M

Categoria: Prove corpi macchina Pubblicato: Domenica, 13 Aprile 2014 Scritto da Donato Chirulli

Testo e Foto di Donato Chirulli

Recentemente, un mio contatto di Facebook postò qualcosa riguardo la Canon Eos M.

Ah già, mi sono detto, esiste anche la Eos M…

In effetti, a più di un anno dalla sua uscita sul mercato, non è che se ne parli molto in giro. In realtà, non si capisce nemmeno perché Canon abbia deciso di produrla e poi lasciarla lì, sola soletta con i suoi tre unici obiettivi (di cui solo uno a focale fissa). In realtà, ma questa è solamente una mia opinione personale, penso che “mamma” Canon abbia voluto fare un’azione…dimostrativa nei confronti di altre case produttrici. Come dire: per ora non è che mi interessi molto produrre CSC mirrorless ma, se mi ci metto seriamente, allora saranno dolori per tutti. Questa condotta ha fatto si che gli appassionati si siano principalmente orientati verso altri modelli e sistemi più completi e versatili, nonché più spinti dalle diverse operazioni di marketing messe in atto dai competitors. La Eos M quindi, è praticamente caduta nel dimenticatoio nel giro di pochissimo tempo e i rari commenti sentiti in giro, non è che fossero particolarmente lusinghieri.

Ma, al sottoscritto, piace andare controcorrente: avuta  la possibilità di provarne una, non me la sono lasciata sfuggire. Corpo macchina, obiettivi EFM 22mm f2,0 STM e 18 -55mm f/3,5 – 5,6 IS STM e… anello adattatore per le ottiche Canon EF e EFS. Eh si, perché si da il caso che (parlando di reflex che, come sapete, ormai uso pochissimo) io abbia un discreto corredo Canon. Com’è andata? Ora ne parleremo, ma intanto posso dirvi che, dopo circa un mese e migliaia di scatti…non riesco a smettere di usarla.

Recently one of my Facebook friends wrote something about the Canon EOS M.

I told myself “uhm, the Eos M, I almost forgot this camera exists for real”.

To be honest, after just one year from its launch date, you hardly hear about it, nobody even remembers about it. Reality is that you can't even imagine why Canon decided to launch the new system and then let it go and almost abandon it with one camera and just three lenses (one of them is a prime). I personally think Canon just wanted to say to the other manufacturers something like “Hey, right now we’re not willing to invest in the CSC market, but if we decide to be serious about it…make way”. Whether it is true or not this decision almost forced the market to look somewhere else, other systems, other cameras, other brands that ensure a wider lens lineup, advanced options and performances. For this reason the Eos M almost disappeared and gone forgotten very quickly, and the few comments you could hear around were not so complimentary with the system.

But you know I like exploring things like this and that’s why I did not want to lose the chance to try one. I got the camera, the EFM 22mm F2,0 STM and the 18-55 F3,5-5,6 IS STM lenses and a lens mount adapter to take advantage of my Canon EF Lenses (yes the reflex ones, the ones that I almost never use).

What should I say? Well, long story short…after a month and thousands of shots I have to say I just can’t stop using it.

English version (by Luca Petralia) Here

 

La Eos M si presenta con un corpo veramente compatto, leggerissimo  e nel contempo, dall’apparenza robusta e di buona costruzione. Puro metallo e poca plastica, posizionata esclusivamente sui punti più delicati e per dare grip all’impugnatura. L’aspetto non segue il gusto vintage oggi imperante per questo genere di macchine (e non solo), ma nemmeno si lancia su forme avveniristiche. Sembra piuttosto “un’innocua” compattina piuttosto piacevole d’aspetto ma, senza grandi pretese. E invece, in questo piccolo corpo dalle forme arrotondate, si nasconde un sensore APS-C da 18 Mpixel, supportato da un potente processore Digic 5 a 14 bit. Abbiamo quindi il cuore di una reflex di buon livello (lo stesso delle attuali APS-C Canon), nascosto nel corpo anonimo di una compatta. Queste caratteristiche pongono, per dimensioni del sensore e qualità tecnologica, la Eos M sullo stesso livello delle Fujifilm serie X e delle Sony Nex. Come dicevamo prima, quello che differenzia la M dalle precedenti è la mancanza di obiettivi dedicati che invece sono presenti in gran numero (e varietà) nel caso della Fuji e, sono comunque più numerosi nel caso della Sony. Ci sono però un paio di aspetti da considerare: il primo è il prezzo di vendita attuale. Il kit con lo zoom si trova ora anche a meno di 300 euro. Il secondo è la disponibilità dell’anello adattatore per le ottiche Canon reflex. I possessori di corredi Canon possono quindi guardare con attenzione a questo modello per integrarlo pienamente nel corredo stesso.

Facile a questo punto chiedersi se, a questo prezzo, al posto di un obiettivo decente non venga fornito un bel fondo di bottiglia….?

Tutt’altro, almeno per i miei gusti. Le due lenti disponibili per la M non fanno assolutamente rimpiangere quelle disponibili per altre CSC e nemmeno quelle (e, come vedrete, ne ho provate parecchie) EF ed EFS utilizzabili tramite l’adattatore. Con questo non voglio dire che possono eguagliare le prestazioni di obiettivi da diverse centinaia o migliaia di euro ma…non sono poi così scarse come si può, ad un primo impatto, pensare. La costruzione è ottima, la definizione è molto buona, hanno un discreto “carattere” ed un piacevole sfocato, sono compatte, leggere, economiche. Si può volere di più a queste condizioni?

Comunque, queste sono solo opinioni e noi, come sempre qui a riflessi fotografici, preferiamo far “parlare” i fatti…cioè le immagini. Non i test di laboratorio, le linee per millimetro ed i grafici che tanto piacciono ad alcuni. La fotografia è ciò che si vede e la storia è piena di presunti esperti che decantano le qualità di fotografie realizzate con obiettivi milionari… per poi scoprire che erano state realizzate con lenti economiche, ma performanti.

Evidentemente, nel nostro caso, il know how di Canon ha permesso di costruire due elementi economici, ma ben fatti ed ottimamente funzionanti. Peccato non aver potuto provare anche lo zoom grandangolare 11-22mm.

 

On the road

Dal punto di vista funzionale, la Eos M ha tutto quello che, al giorno d’oggi, ci si può aspettare da fotocamere di questa categoria, alcune cose in più e, alcune cose in meno…. Più che altro, penso, per mantenere la compattezza di base della fotocamera.

Non ha infatti un mirino e nemmeno il flash incorporato (è però compatibile con i flash esterni della serie Speedlite Canon) . Si fa praticamente tutto attraverso lo schermo posteriore, dotato della tecnologia touch screen. Peccato però che non sia orientabile e che in piena luce abbia qualche difficoltà di leggibilità.

Una delle principali critiche rivolte alla M, appena uscita, riguardava la lentezza della messa a fuoco (che pur è di tipo ibrido). Un difetto solo in parte risolto dalla versione 2.0.2 del firmware, successivamente reso disponibile da Canon. La maf, comunque, pur non velocissima (ma non è questo il genere di fotocamera per riprendere corse automobilistiche o simili) si è dimostrata più precisa di alcune possibili rivali. Almeno nell’uso in situazioni non esasperate. Un metodo per aumentarne la precisione è dato dalla possibilità d’ingrandimento dell’immagine, con conseguente rimpiccolimento dell’area di messa a fuoco e posizionamento più adeguato alle necessità. L’abbiamo testata anche con il metodo ad inseguimento con risultati discreti nella street photography.  Tutto sommato, diciamo che ne abbiamo viste di peggiori, ma anche (poche) di migliori. A parte il caso della nuova Fuji X-T1 e di alcune Olympus, il problema della rapidità e precisione della maf è infatti ancora uno dei punti deboli di molte mirrorless.

Nell’uso pratico, la possibilità (tramite il touch screen) di puntare, mettere a fuoco e scattare solo con il tocco di un dito aiuta a velocizzare le operazioni. Tramite lo stesso schermo, sono accessibili tutte le principali funzioni di regolazione ed impostazione di scatto.

Va bene, diranno i nostri lettori, fino ad ora non è che sembri un gran che….. In effetti, le migliori qualità della Eos M vengono alla luce quando si va a valutare quello che è lo scopo dell’esistenza stessa di una fotocamera: le immagini.

Dopo anni di uso delle più disparate mirrorless e compatte evolute sul mercato, era parecchio tempo che non trattavo più i files raw Canon con l’apposito software Digital Photo Professional (DPP). In altri casi, non sempre i software sono in grado di gestire i files raw adeguatamente o, se lo sono, magari sono i sensori stessi (e/o le ottiche) a non fornire risultati soddisfacenti. Nel caso dell’accoppiata Eos M e DPP ho trovato finalmente il piacere di trattare come si deve i raw di una mirrorless. I files raw Canon, come sempre appaiono molto “morbidi” prima di ogni lavorazione, ma permettono una regolazione anche pesante che non altera la loro qualità di fondo. Su DPP sono disponibili gli stessi “Stili Immagine” applicabili ai Jpeg direttamente on camera, permettendo così di applicare (o regolare/modificare) uno stile anche in fase di post-produzione. Da segnalare anche la possibilità di correzione dei difetti ottici (distorsione, aberrazione cromatica, luminosità ai bordi), specifica per le singole ottiche.
I files risultanti sono decisamente eccellenti, molto ben definiti e con il “solito” carattere Canon, dato da una dominante calda di fondo. Questa può piacere oppure no ma, in ogni caso, è facilmente eliminabile.
Dal punto di vista della tenuta agli alti Iso, non ci sono praticamente problemi fino a 1600. Discreti i risultati a 3200, un po’ meno quelli a 6400 dove il “rumore” si fa piuttosto significativo ed influisce negativamente sulla leggibilità dei particolari. Lavorandoci un po’ con DPP si ottengono comunque files ancora accettabili. Il fatto di avere 18Mpixel su APS-C (più di ogni altra concorrente che, in genere arrivano a 16), probabilmente influenza questo fattore.

Le focali

Per assicurare ai nostri lettori la possibilità di un’adeguata valutazione, abbiamo anche questa volta  cercato di testare le  numerose lenti nelle più disparate condizioni di ripresa. Paesaggio, architettura, street, interni e così via.

Dobbiamo dire che abbiamo ottenuto risultati lusinghieri sia con gli obiettivi specifici per il sistema M, che con quelli EF o EFS a nostra disposizione: praticamente sovrapponibili a quelli ottenibili sulle reflex per cui sono stati ideati. Anche se, con gli obiettivi “adattati” si perde un po’ la filosofia di compattezza di una mirrorless, l’operatività è rimasta sempre buona. In certi casi poi (come ad esempio con l’EF 50mm f/1,8 II) quasi neanche si avverte di star lavorando con una lente da reflex.

Qualcuno potrà obiettare sull’utilità di comprarsi una compatta e poi usare obiettivi da reflex. La risposta sta proprio nell’ultima parola: chi possiede una reflex Canon può affiancare la Eos M al suo attuale corredo, come secondo corpo d’emergenza, oppure dedicato all’uso degli obiettivi più compatti e leggeri, senza spendere una cifra enorme ed alleggerendo il peso (e l’ingombro) complessivi. D’altro canto, lo stesso corpo macchina può essere usato con profitto con i suoi EF-M, permettendo di muoversi più agevolmente in tutte le situazioni dove la reflex non sia strettamente necessaria.

Per questa prova, oltre ai due EF-M disponibili, ho testato i seguenti obiettivi:

Canon EF 50mm f/1,8 II

Canon EF 85mm f/1,8 USM

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM

Devo dire che mi sono divertito parecchio con tutti quanti. A parte il “vecchio” 35-350mm che, ovviamente, è un ‘estremizzazione su questo genere di fotocamera, gli ingombri ed i pesi contenuti di tutti gli altri hanno permesso un uso facile e non stancante degli stessi. Pregi e difetti (eventuali) di queste ottiche sono ben noti agli utilizzatori Canon, per cui non mi starò qui a dilungare sulle loro caratteristiche, pienamente espresse anche nelle immagini realizzate con la EOS M.

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM

Obiettivo molto compatto, di ottima resa, con diaframma a 7 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 35mm circa

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/5,6 - 1/500 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/3,5 - 1/750 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/2,8 - 1/4000 sec - EV -1

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/4 - 1/750 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/4 - 1/750 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/4 - 1/1500 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/4 - 1/500 sec - EV +0,5

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 f/2,8 - 1/400 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 200(Auto) - f/6,7 - 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 250(Auto) - f/8 - 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100(Auto) - f/3,5 - 1/1000 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 160(Auto) - 160 f/8 - 1/750 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 400(Auto) - f/8- 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 200(Auto) - f/8- 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/2,5- 1/3000 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/4- 1/180 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 250(Auto) - f/8- 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 1250(Auto) - f/6,7 - 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 125(Auto) - f/6,7- 1/500 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 1600(Auto) - f/3,5- 1/45 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 4000(Auto) - f/3,5- 1/45 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 6400(Auto) - f/5,6- 1/90 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 6400(Auto) - f/3,5- 1/45 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/9,5- 1/200 sec - Flash Fill In

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/5,6- 1/125 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/3,5- 1/350 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/8- 1/180 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/5,6- 1/60 sec - Macro mode

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/5,6- 1/90 sec

Canon EF-M 22mm f/2,0 STM - Iso 100 - f/8- 1/500 sec - EV +0,5

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM

Obiettivo molto compatto e versatile, di buona qualità, con diaframma a 7 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 29-88mm circa

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @22mm - Iso 100 - f/4 - 1/1500 sec. - EV -0,5

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/6,7 - 1/750 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/9,5 - 1/350 sec.

Crop 100% of previous Image

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/6,7- 1/350 sec. - Standard lens corrections of DPP (Vignetting, Moirè etc.)

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/6,7- 1/350 sec. - No lens corrections of DPP

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/8 - 1/125 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/8 - 1/750 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/8 - 1/500 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/8 - 1/750 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/9,5 - 1/500 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @34mm - Iso 200 - f/6,7 - 1/350 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 200 - f/6,7 - 1/250 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @25mm - Iso 100 - f/8 - 1/180 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @46mm - Iso 100 - f/11 - 1/250 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @50mm - Iso 200 - f/5,6 - 1/2000 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/8 - 1/125 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/8 - 1/250 sec. - Macro mode

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/5,6 - 1/500 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/5,6 - 1/200 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @47mm - Iso 100 - f/8 - 1/125 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 100 - f/8 - 1/350 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @37mm - Iso 100 - f/5,6 - 1/500 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @53mm - Iso 100 - f/8 - 1/500 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100 - f/11 - 1/125 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 200 - f/8- 1/250 sec. - Macro mode

100% Crop of Previous Image

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @29mm - Iso 400(Auto) - f/9,5 - 1/180 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 100(Auto) - f/6,7 - 1/125 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @18mm - Iso 250(Auto) - f/6,7 - 1/250 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 400(Auto) - f/6,7 - 1/350 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @33mm - Iso 100 - f/8 - 1/350 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 3200 - f/8 - 1/60 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @55mm - Iso 3200 - f/8 - 1/60 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @44mm - Iso 1600 - f/5,6 - 1/30 sec.

Canon EF-M 18-55mm f/3,5-5,6 IS STM @30mm - Iso 100 - f/11 - 15 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II

Obiettivo compatto, leggero ed economico, ma di alta qualità con diaframma a 5 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 80mm

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/4,5 - 1/2000 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/8 - 1/750 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/11 - 1/1000 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/9,5 - 1/500 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/6,7 - 1/750 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/8 - 1/1000 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/2,5 - 1/2000 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/9,5 - 1/500 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 400 - f/4,5 - 1/125 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/2 - 1/4000 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/4,5 - 1/350 sec.

Canon EF 50mm f/1,8 II - Iso 100 - f/8 - 1/750 sec.

Canon EF 85mm f/1,8

Obiettivo relativamente economico, di ottima qualità, con diaframma a 8 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 135mm circa

Canon EF 85mm f/1,8 - Iso 100 - f/2,8 - 1/1500 sec.

Canon EF 85mm f/1,8 - Iso 100 - f/2 - 1/1000 sec.

Canon EF 85mm f/1,8 - Iso 100 - f/1,8 - 1/2000 sec.

Canon EF 85mm f/1,8 - Iso 100 - f/5,6 - 1/350 sec.

Canon EF 85mm f/1,8 - Iso 6400 - f/2,8 - 1/180 sec.

Crop 100% of Previous Image

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM

Obiettivo "vintage" professionale, di ottima qualità, con diaframma a 8 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 56-560mm

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 60 mm - Iso 100 - f/4,5 - 1/750 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 140 mm - Iso 400 - f/8 - 1/750 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 35 mm - Iso 100 - f/9,5 - 1/180 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 35 mm - Iso 160(Auto) - f/5,6 - 1/1500 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 180 mm - Iso 100 - f/4,5 - 1/750 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 350 mm - Iso 160(Auto) - f/5,6 - 1/1500 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 250 mm - Iso 250(Auto) - f/6,7 - 1/2000 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 80 mm - Iso 200(Auto) - f/5,6 - 1/1500 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 35 mm - Iso 100 - f/9,5 - 1/1000 sec.

Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L USM @ 210 mm - Iso 200 - f/6,7 - 1/2000 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM

Versatile zoom grandangolare, specifico per APS-C, di ottima qualità, con diaframma a 6 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 16-35 mm

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 15mm - Iso 100 - f/11 - 1/90 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 10mm - Iso 100 - f/11 - 1/180 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 2mm - Iso 1600 - f/4,5 - 1/30 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 10mm - Iso 3200 - f/6,7 - 1/60 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 22mm - Iso 1600 - f/4,5 - 1/45 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 10mm - Iso 100 - f/8 - 1/250 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 10mm - Iso 100 - f/11 - 1/125 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 10mm - Iso 100 - f/11 - 1/125 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 22mm - Iso 200 - f/11 - 1/180 sec.

Canon EF-S 10-22mm f/3,5-4,5 USM @ 16mm - Iso 100 - f/11 - 1/125 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM

Versatile zoom tuttofare, specifico per APS-C, , ad apertura fissa e stabilizzato, di ottima qualità, con diaframma a 7 lamelle. Focale equivalente nel formato 24x36 = 27-88 mm

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 55 mm - Iso 100 - f/5,6 - 1/500 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 21 mm - Iso 100 - f/2,8 - 1/1500 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 17 mm - Iso 100 - f/2,8 - 1/750 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 55 mm - Iso 100 - f/8 - 1/350 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 55 mm - Iso 100 - f/3,5 - 1/1000 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 40 mm - Iso 100 - f/2,8 - 1/1500 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 17 mm - Iso 6400 - f/6,7 - 1/60 sec.

Crop 100% of Previous Image

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 20 mm - Iso 1600 - f/2,8 - 1/30 sec.

Canon EF-S 17-55mm f/2,8 IS USM @ 49 mm - Iso 3200 - f/2,8 - 1/60 sec.

 

Conclusioni

Personalmente, sono rimasto piacevolmente sorpreso dalle qualità della EOS-M. Presa singolarmente, con gli obiettivi specifici di cui è dotata, già è in grado di produrre immagini altamente soddisfacenti. Peccato che Canon si sia fermata a solo tre lenti e, soprattutto, non fornisca focali fisse a parte il compattissimo 22mm f/2,0 che si è dimostrato veramente piacevole nell’uso e nella resa dell’immagine. Un sistema comunque già sufficiente ad affrontare la maggior parte delle situazioni fotografiche, consigliabile a chi voglia ottenere un ottima resa con ingombri e costi contenuti.

Un discorso a parte merita l’uso dell’anello adattatore, che permette d’integrare questa fotocamera in un corredo reflex preesistente. Può essere usata come secondo corpo economico e poco ingombrante in tutte quelle situazioni che non richiedano una velocità operativa elevata. Tanto per fare un esempio, ho lavorato per anni fotografando alberghi, bed & breakfast e case di lusso in giro per l’Europa. Questo genere prevede spesso l’uso del treppiede e di obiettivi grandangolari come il 10-22mm. Bene: avrei voluto averla allora un fotocamera simile. Mi sarei risparmiato il peso della reflex e quello di un ingombrante cavalletto adeguato ai pesi della reflex stessa. La qualità delle immagini non ne avrebbe certo risentito. Inoltre, avrei avuto una fotocamera compatta, da portare sempre con me quando, terminata la parte lavorativa della giornata, il corredo reflex veniva, finalmente, lasciato in albergo…

 

 

Note

1) Tutte le immagini provengono da files Raw, elaborati con Canon Digital Photo Professional. Nella maggior parte dei casi ho utilizzato lo Stile Immagine Standard con  settaggi Contrasto +1, Saturazione +1, Nitidezza Massima. I files Tiff a 16 bit così ottenuti sono stati poi passati su PShop per la regolazione fine (spesso nemmeno necessaria) dei livelli di luminosità e per piccole correzioni (tagli, raddrizzamenti) dell’inquadratura.

2) Le ottiche Canon EF sono studiate per il pieno formato e/o per l'analogico. Le EF-S ed EF-M sono studiate espressamente per il formato APS-C. In tutti i casi, per conoscere il valore della lunghezza focale equivalente nel formato 24x36 (35mm) analogico, il fattore di moltiplicazione è 1,6