ADZERO

Pubblicato: Sabato, 26 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

ADZERO
(Anno Domini ZERO)

Testi e foto di Max Angeloni


Il grande problema è questo. Se chiedete a 100 persone di descrivere come immaginano la “Natività” riceverete 100 risposte differenti.
Religione, storia, tradizioni e usanze si mescolano e si sovrappongono da sempre in un moto perpetuo e tutto questo rende difficile descrivere, un evento, scremato da tutte le cose non essenziali.
Solo due Vangeli narrano di questo storia: Matteo e Luca.
E i racconti concordano sostanzialmente solo in pochi punti.

Leggi tutto...

Ordinary Days

Pubblicato: Venerdì, 25 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

Translated by Pietro Todaro
Roma April/May 2020 - Covid19 Shots and thoughts
Pictures taken in Rome from April 5 to May 1 2020 during the lockdown period. A suspended time... unexpected, unreal.
 

A time that was thought to exist only in films with a weakish screenplay or in the narratives that border between delirium and science fiction.
But the human race is a species that can adapt to anything.
Thus enclosed spaces become full and open areas become empty.
Houses welcome us... the city squares are deserted.
All this emptiness gives me a sense of anguish. I have difficulty choosing what to photograph and what to ignore.

  Un tempo sospeso… improvviso, irreale.
Un tempo che si pensava potesse esistere solo nei film dalla sceneggiatura un po’ debole o nella narrativa ai limiti tra delirio e fantascienza.
Ma la razza umana è una specie capace di adattarsi a tutto.
Ed ecco che spazi chiusi diventano pieni e spazi aperti diventano vuoti.
Le case ci accolgono… le piazze sono deserte.
Mi mette un senso di angoscia tutto questo vuoto. Ho difficoltà nello scegliere cosa fotografare e cosa ignorare.
(Clicca qui per la versione in Italiano)

CLICK HERE to Read the Rest of the Article

Ordinary Days

Pubblicato: Venerdì, 25 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

Roma aprile/maggio 2020 - Covid19 Scatti e pensieri
Fotografie realizzate a Roma dal 5 aprile al 1 Maggio 2020 durante il periodo di lockdown
 
Un tempo sospeso… improvviso, irreale.
Un tempo che si pensava potesse esistere solo nei film dalla sceneggiatura un po’ debole o nella narrativa ai limiti tra delirio e fantascienza.
Ma la razza umana è una specie capace di adattarsi a tutto.
Ed ecco che spazi chiusi diventano pieni e spazi aperti diventano vuoti.
Le case ci accolgono… le piazze sono deserte.
Mi mette un senso di angoscia tutto questo vuoto. Ho difficoltà nello scegliere cosa fotografare e cosa ignorare.

A time that was thought to exist only in films with a weakish screenplay or in the narratives that border between delirium and science fiction.
But the human race is a species that can adapt to anything.
Thus enclosed spaces become full and open areas become empty.
Houses welcome us... the city squares are deserted.
All this emptiness gives me a sense of anguish. I have difficulty choosing what to photograph and what to ignore.
(English version here)

Leggi tutto

Roma '50

Pubblicato: Lunedì, 21 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

Roma… un giorno qualsiasi di un anno qualsiasi.
Prime luci dell’alba, serrande ancora abbassate, poche ombre si aggirano nella leggera nebbia creata dall’umidità del tevere.
Il tempo passa, l’aria si fa tersa, le serrande si alzano e le poche ombre diventano persone.
Già… potrebbe essere un giorno qualsiasi di un anno qualsiasi.
Potrebbe essere Roma degli anni ’50.

Leggi tutto...

Mt. 9,9-13

Pubblicato: Sabato, 19 Dicembre 2020 Scritto da Redazione

Il 23 Novembre 2018, in occasione del genetliaco di S.E.R. Cardinale Raffaele Martino, Protodiacono di Sua Santità, è stato presentato nella Cattedrale di Salerno, l’opera “Matteo 9-9,13”.
Il quadro, realizzato magistralmente con la vecchia tecnica del pastello dal maestro Ippazio Campa, è la finalizzazione di un lavoro di gruppo che si è prefissato di rappresentare la “Vocazione di S. Matteo” in maniera innovativa pur mantenendo salda l’ispirazione all’immenso capolavoro di Caravaggio.

Leggi tutto...

Bianco Rosso e Blu: Gallery

Pubblicato: Mercoledì, 09 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

Bianco, Rosso e Blu
La tradizione della Banda Musicale dell’Arma dei Carabinieri fotografata con lo stile del ritratto tradizionale.
Colori, strumenti, elementi e particolari sono parte integrante dei gesti e dei volti dei musicisti.

Immagini estratte dal libro: Banda Musicale dei Carabinieri
Fotografo: Max Angeloni
Assistente alla Fotografia: Romeo Manganiello, Vincenzo Ricciarello
Location: Sala Prove Banda musicalele dei Carabinieri - Legione Allievi Carabinieri - Roma

Attrezzatura: Fujifilm GFX50s, Ottiche GF Fujinon, Flash Godox AD360.

Leggi tutto...

Reportage: In Concerto

Pubblicato: Martedì, 08 Dicembre 2020 Scritto da Max Angeloni

In Concerto

Reportage in bianco e nero che racconta una giornata al seguito della banda dei Carabinieri.
La partenza dalla Scuola Allievi Carabinieri, il viaggio, le prove e la preparazione, per culminare con il concerto nella piazza di Sabaudia.
Concerto che ha visto la partecipazione anche dei maestri Gianluigi Trovesi e Marco Lo Russo.

Reportage estratto dal libro: Banda Musicale dei Carabinieri
Fotografo: Max Angeloni
Location: Legione Allievi Carabinieri, Roma - Sabaudia

Attrezzatura: Fujifilm X-T2 ,Ottiche XF Fujinon e Zeiss Touit, luce ambiente.

Leggi tutto...

Misantropo: Benvenuti "dentro" le quinte

Pubblicato: Lunedì, 07 Novembre 2016 Scritto da Max Angeloni

Cosa succede in una rappresentazione teatrale se si cancellano palco, platea, quinte e tutti quegli elementi che separano il pubblico dagli attori. E non solo… cosa succede se gli attori, già nel foyer, si mescolano al pubblico per un aperitivo prima di entrare insieme in sala, facendo diventare anche questo semplice rituale parte integrante dello spettacolo.
E poi… cosa succede se la rappresentazione avviene in mezzo al pubblico… con il pubblico che decide quale personaggio guardare, quale scena osservare… quale attore porre al centro del proprio interesse diventando a sua volta il regista della rappresentazione teatrale.
E infine… cosa succede quando bisogna svolgere il lavoro di fotografo di scena, quando non c’è una scena o, riprendere dietro le quinte quando le quinte, nel loro significato canonico, non esistono più?
Benvenuti nel Teatro Argot, benvenuti nell’adattamento di Francesco Frangipane del Misantropo di Molière. Già benvenuti nel… ovvero benvenuti dentro lo spettacolo stesso.
E se si è dentro lo spettacolo, la maniera migliore per raccontare attraverso la fotografia questo evento, è stato quello di immergermi nel pubblico per fotografarlo con gli occhi del pubblico. L’espressione degli attori unite alle espressioni degli spettatori, due facce dello stesso spettacolo.
Benvenuti al teatro… benvenuti “dentro” le quinte del "Misantropo".

 

Note tecniche: Fujifilm X-T2, Fujinon XF16mm F1.4 R WR, PP Light Room CC

Location: Argot Studio, via Natale del Grande 27, Roma

Misantropo

di Molière
traduzione, adattamento e regia: Francesco Frangipane

Arcangelo Iannace (Alceste), Massimiliano Benvenuto (Filinte), Vincenzo De Michele (Oronte), Vanessa Scalera (Celimene), Miriam Galanti (Eliante), Silvia Salvatori (Arsione), Matteo Quinzi (Acaste), Gilles Rocca (Clitandro)

musiche e DJ Set Antonello Aprea, scenografia Francesco Ghisa, costumi Cristian Spadoni, light designer Giuseppe Filippino.

Leggi tutto...